Affido condiviso

Scritto il . Stampa

ACTA PEDIATRICA, il più importante studio internazionale sull' Affido condiviso

Per decenni è stato ammesso che la perdita di contatti con un genitore (quello non affidatario o, come si dice oggi, collocatario) fosse un accettabile dazio che il minore doveva pagare alla separazione dei genitori. 

Paesi progrediti hanno cercato invece di ovviare a questo grave problema promuovendo l'affidamento condiviso con tempi il più possibile paritetici di frequentazione dei genitori; la correttezza e l'utilità di questo approccio sono state recentemente confermate da uno studio medico internazionale, validato statisticamente, sull'utilità del coinvolgimento paterno (ACTA PEDIATRICA 97,152-158, FEBBRAIO 2008, Sarkadi et al.,Uppsala e Melbourne). Gli studiosi hanno analizzato retrospettivamente 24 studi svolti in 4 continenti diversi e con durate dai 10 ai 15 anni, la conclusione è che, dopo aver depurato i dati da variabili socioeconomiche, in 22 studi su 24 si è avuta l'evidenza (con p<0.005) degli effetti benefici derivanti dal coinvolgimento di ambedue le figure genitoriali.

In particolare si è visto che il coinvolgimento del padre migliora:

Dopo la separazione coniugale, al genitore non collocatario nei Paesi dove realmente è applicato l'affidamento condiviso viene riconosciuto un tempo di frequentazione pari al 30-50% del totale mentre in Italia siamo al 17%.

In alcuni Paesi, poi, la priorità ricercata dal magistrato è ormai l'affido alternato.

A distanza di anni i risultati si sono dimostrati ottimi: in Svezia (dove peraltro non c'è grande sete di contenziosi visto che gli avvocati sono percentualmente l'undicesima parte di quelli presenti in Italia) ormai le separazioni giudiziali si sono ridotte a meno dell'1% del totale (non essendoci più dissidi sulle frequentazioni ed essendosi ridotte le dispute sul mantenimento dato il passaggio di fatto a un mantenimento diretto). I tribunali sono vuoti visto che la consensualizzazione si ottiene in prima udienza e la durata delle poche cause giudiziali è di sei mesi.

In Belgio e Francia, dove si guarda con ammirazione alla Svezia e dove pure ormai il 24% dei minori vive secondo il regime di alternanza, gli studi su grandi numeri hanno dimostrato benefici notevoli.

In particolare il rapporto Raschetti, presentato al parlamento transalpino, ha osservato che i tempi paritetici vanno bene anche per i lattanti (dovendosi solo regolare i tempi di alternanza) e che i bambini monogenitoriali, inoltre, sono meno socievoli e hanno minor sviluppo cognitivo.

L'affido alternato, è la priorità perseguita dal giudice anche in Polinesia francese, nelle isole dell'Oceano indiano della Rèunion e di Mayotte, nella Guadalupa, nella Martinica e nella Guyana francese.