Alienazione Genitoriale

Scritto il . Stampa

9 Maggio 2014:Il Messico approva una norma sull’Alienazione Parentale

Al Codice Civile del Messico è stata aggiunta la seguente norma: CAPO III DELLA VIOLENZA FAMILIARE

Articolo 323 Septimus – Commette violenza in famiglia il membro della famiglia che manipola la coscienza dei minori, al fine di impedire, ostacolare o distruggere i legami con uno dei loro genitori.

Il comportamento descritto nel comma precedente si definisce alienazione genitoriale se effettuato da uno dei genitori, che, accertata questa condotta, sarà sospeso dall'esercizio dei diritti dei genitori sul figlio e, di conseguenza, dai diritti di visita e convivenza che gli erano riconosiuti. Inoltre, se il genitore alienante ha l'affido del figlio, questo andrà immediatamente trasferito all'altro genitore, se si tratta di un caso di alienazione lieve o moderata .

Nel caso di minori che presentano un grado di grave alienazione genitoriale, non sarà mai permesso che essi rimangano affidati al genitore alienante o alla sua famiglia, ogni contatto con il genitore alienante sarà sospeso e il bambino dovrà essere sottoposto ad un trattamento scelto dallo specialista che ha diagnosticato la malattia .

Per garantire il benessere del minore, quando, a causa della sua età, risulta impossibile farlo vivere con l'altro genitore, il Dipartimento di psicologia della Alta Corte di Giustizia del Distretto Federale, prende in considerazione i parenti più stretti del minore, e stabilisce quale persona sarà responsabile della custodia durante il periodo necessario al trattamento finalizzato a consentire la convivenza con il genitore non alienante .

Il trattamento per il minore alienato sarà effettuata sotto la competenza del Dipartimento di alienazione parentale del Servizio medico forense dell'Alta Corte di Giustizia del Distretto Federale.

Fonte: Gazzetta Ufficiale del Distretto federale, 9 maggio 2014