Articoli

Mainstream Media and the Shameless Manipulation of Women

I media mainstream e la manipolazione senza vergogna delle donne

Articolo del Quotidiano online "The German Eye".

Traduzione in italiano a cura di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Più di un anno fa, Donald Trump è stato eletto come l'ultimo presidente degli Stati Uniti, con un risultato a sorpresa che ha colpito duramente i media mainstream (MSM). Il problema era che i maggiori attori dei media negli Stati Uniti, e in effetti in tutto il mondo, avevano quasi completamente (e non ufficialmente) approvato la sua concorrente, Hillary Clinton. I MSM si trovarono improvvisamente di fronte alla spiacevole verità, che non erano riusciti a influenzare adeguatamente l'esito delle elezioni presidenziali americane, nonostante i loro giganteschi sforzi contrari. Il risultato alquanto sorprendente fu che il pubblico pensava a se stesso e i MSM sono rimasti con la consapevolezza che il loro potenziale di manipolare la percezione pubblica su questioni importanti non era così grande come avevano sperato o pensato. Una conseguenza di ciò è che ha illuminato il tentativo dei media di manipolare la democrazia per spingere la loro posizione ideologica, che di solito si allinea con i loro obiettivi economicamente vantaggiosi. In un'epoca in cui la circolazione dei quotidiani è in calo e l'influenza dei media alternativi è in aumento, i giornali devono mantenere un modello di business che sia realistico e redditizio, pur essendo la loro rilevanza in diminuzione. Raggiungono questo obiettivo principalmente attraverso la pubblicità - e cercano sempre più disperatamente di aumentare i loro introiti pubblicitari online a prescindere dalle vendite cartacee. Le aziende pagano i giornali per pubblicizzare i loro prodotti in modo da raggiungere il loro target demografico. È interessante notare che molte persone non riescono a rendersi conto che il target demografico preferito dalla maggior parte delle aziende è rappresentato dalle donne. In tutto il mondo, l'80% di tutti gli acquisti sono effettuati da donne. Metti da parte questa considerazione per un momento. Gli uomini possono guadagnare più denaro delle donne, lavorando più ore, intraprendendo carriere più pericolose e facendo professioni più difficili ma pagate meglio, come l'ingegneria, ma le donne spendono ancora più denaro degli uomini. Se vuoi vendere il tuo prodotto, anche se quel prodotto è rivolto agli uomini, bisogna rivolgersi anche alle donne, dato che di solito controllano i cordoni della borsa nella famiglia. Quindi, quando gli inserzionisti vogliono vendere qualcosa, sanno che le loro migliori possibilità di capitalizzare il loro ritorno sull'investimento pubblicitario (ROI), è di raggiungere il principale decisore in materia finanziaria, che di solito sono le donne. Quindi, nella loro ricerca disperata di mantenere i margini di profitto, i giornali devono consegnare la demografia femminile ai potenziali inserzionisti. In questo modo si ottiene un buon ROI per gli inserzionisti e il publisher ha un forte senso degli affari. Quindi, come fanno i giornali a consegnare la demografia femminile ai loro inserzionisti? La risposta è una manipolazione spietata, per la quale l'esposizione a lungo termine è dannosa per le donne, gli uomini e la società nel suo complesso. Prima di spiegare come funziona questa manipolazione, ci sono alcuni fatti che devono essere esplicitati. Inoltre, quando si è in una posizione di potere, le donne hanno all'incirca 4-5 volte più probabilità di mostrare un sessismo positivo al proprio genere rispetto agli uomini. Ciò significa che un amministratore delegato donna è 4-5 volte più propenso a promuovere donne con capacità/qualifiche equivalenti rispetto agli uomini, rispetto a un uomo. Basta guardare al CEO femminile di Yahoo per vedere i cambiamenti che ha implementato alla direzione dell'azienda e le conseguenti cause legali a suo carico a seguito del cambiamento della proporzione di genere dall'80% di uomini all'80% di donne nell'arco di 18 mesi. In terzo luogo, le donne amano vedere fallire gli uomini. Una dichiarazione controversa, ma sostenuta da vari studi. Qualunque sia la ragione, la ricerca mostra che le donne hanno maggiori probabilità di acquistare prodotti quando gli uomini sono dipinti in una luce negativa, e le donne in una positiva. Ciò crea un fattore di benessere per le donne e le incoraggia ad acquistare prodotti in cui è in gioco questo meccanismo misandrico. Le pubblicità televisive e le commedie sfruttano da molto tempo questa tecnica efficace. Laddove entrano in gioco i media mainstream (MSM), stanno portando avanti questo meccanismo. Diffondendo materiale che fa sentire le donne buone, raccolgono una fetta della demografia femminile e offrono così valore ai propri inserzionisti. Le donne torneranno costantemente a leggere pubblicazioni che le fanno sentire bene in qualche modo. Al momento stiamo vivendo una corsa al ribasso per vedere quali editori di media scendono più in basso per soddisfare l'ultima moda che aumenta l'autostima delle donne, di solito a spese degli uomini. Il giornalismo basato sui fatti ha lasciato il posto al giornalismo basato sull'emozione, al fine di attirare i lettori femminili. Che si tratti del movimento "Body-positive" (corpo-positivo), che mira pericolosamente a legittimare e rimuovere lo stigma dall'obesità, al falso mito della “discriminazione salariale", che viene costantemente lanciato come “acchiappa-click” per attirare le lettrici e far commentare e discutere le persone online - una guerra efficace e di moda è la nuova ossessione dei MSM nel garantire l'interazione del lettore e quindi valore per gli inserzionisti. Al giorno d'oggi, un lettore femminile compassato e un lettore maschile arrabbiato hanno un buon gioco in termini di visualizzazioni di pagina e clic online, per non dimenticare di interagire con la sezione dei commenti. Un effetto a catena, è che queste donne che sono effettivamente dipendenti dallo status di vittima e prive di potere, hanno bisogno dei prossimi "pregiudizi di conferma" dai media. È veramente una dipendenza. Concetti e contenuti mal concepiti come il "patriarcato" sono usati per spingere queste donne a leggere sempre più materiale bigotto su base quotidiana, sul perché i loro difetti e fallimenti sono in realtà sempre colpa degli uomini, e che la società ha un intrinseco pregiudizio contro le donne a favore degli uomini – il che è dimostrabile come falso. Il risultato finale è una donna priva di potere e un uomo offeso - ma un inserzionista felice, che ora può raggiungere costantemente la fascia demografica con il maggior potere d'acquisto. I MSM non si preoccupano del danno che provocano a tutte le parti interessate; il loro obiettivo principale è la generazione di entrate. La conseguenza a lungo termine è la distruzione delle relazioni tra uomini e donne, che tra l'altro è stato un obiettivo femminista dichiarato dagli anni '80. Un altro vantaggio della raccolta di lettori donne è la manipolazione della democrazia. La maggior parte degli elettori fluttuanti sono donne. In effetti, ad ogni età nei paesi occidentali ci sono più elettori femmine rispetto agli elettori maschi. I politici ne sono profondamente consapevoli, motivo per cui pochi criticano la macchina dell'odio femminista. Inoltre per le ultime elezioni, l'esito delle precedenti cinque elezioni americane è stato determinato da elettori fluttuanti, cioè dalle donne. I partiti politici hanno bisogno per vincere del loro voto. Quindi, non solo vediamo i media che cercano di ritrarre tutte le donne fragili e vulnerabili, ma vediamo anche politicanti che sfruttano questa tattica spudorata per cercare di ottenere il loro voto. Come esempio del mondo reale, negli anni '80 c'erano risorse finanziarie limitate nel Servizio sanitario nazionale del Regno Unito per le cure mediche, ma come impegno elettorale, alle donne è stato promesso lo screening del cancro al seno per ottenere il loro voto, e ha funzionato (questa è stata la famigerata scommessa che Margaret Thatcher ha fatto nel Regno Unito per vincere la rielezione - nessun servizio equivalente è stato offerto agli uomini per lo screening del cancro ai testicoli o alla prostata). Dando alle donne lo status di vittime e promettendo un trattamento speciale, sia i MSM che i partiti politici ne traggono beneficio. Ma almeno loro operano a breve termine. Il quadro più ampio, tuttavia, è che decenni di abbraccio del femminismo e della propaganda anti-maschile, hanno fatto fallire la società sia per gli uomini che per le donne in molti modi, e si vede! Gli attivisti per i diritti degli uomini (MRA) stanno combattendo contro il ritratto negativo degli uomini nella società sia da parte dei MSM che dei politici. Tuttavia, sono stati demonizzati e accusati di essere dei misogini (dalle femministe, e in effetti anche dalle sinistre, che si battono per mettere a tacere il dissenso o la critica). Basta vedere il furore che ha provocato John McEnroe, * che in sostanza, in un commento ha detto che “le concorrenti femminili nello sport hanno uno svantaggio biologico nei confronti dei maschi.” * John Patrick McEnroe Jr è un ex tennista, allenatore di tennis e commentatore televisivo statunitense. Numero 1 del mondo per quattro anni di seguito dal 1981 al 1984. Quando Donald Trump sconfisse la sponsorizzata Hillary Clinton, accadde qualcosa di più grande di una semplice vittoria elettorale. Il pubblico ha vinto. Ha inviato un messaggio chiaro ai MSM e ai politici, che la loro manipolazione è trasparente e non funzionerà più. Resta da vedere, se questo messaggio raggiungerà le orecchie degli inserzionisti e se sta arrivando un cambiamento nel modo in cui uomini e donne vengono trattati per ricercare il profitto. Fino a quel momento, se mai arriverà, le donne hanno bisogno di essere consapevoli dello sfruttamento da parte dei MSM e dei politicanti del pregiudizio anti-maschile latente delle femmine. È tempo che le donne mettano a tacere l'odio retorico del femminismo per sempre, e invece promuovano la vera uguaglianza. Il problema non è il femminismo, è solo un sintomo; il problema è l'antipatia femminile nei confronti della sofferenza degli uomini e la mancanza di empatia della società per lo stesso. Fino a quando le donne non agiranno insieme agli uomini, la disuguaglianza esisterà e le donne saranno alla portata dello sfruttamento da parte dei media e dei politici che inseguono una facile vittoria elettorale o un rapido profitto.