Stampa

SOS genitori

SOS genitori: dalla Provincia di Ragusa un nuovo servizio per le famiglie

Nell’ambito del servizio di mediazione familiare, attivo ormai da cinque anni presso lo Sportello Famiglia della Provincia Regionale di Ragusa, l’assessorato alle Politiche Sociali ha lanciato un nuovo servizio che capitalizza le difficoltà dei genitori nella gestione di eventi di carattere traumatico e stressanti quali le separazioni, i lutti, le crisi familiari e il non facile rapporto fra genitori e figli nelle coppie in crisi. Si tratta del servizio denominato “ S.O.S Genitori”. L’assessorato alla Politiche Sociali crede fermamente nella collaborazione fra enti pubblici e privati cittadini e invita, quindi, i cittadini iblei a utilizzare i servizi con la certezza dell’anonimato. E’ attivo il numero verde 800550330, gratuito anche dai cellulari. Un’equipe di professionisti, tecnicamente preparata nella negoziazione e nella risoluzione dei conflitti di coppia, è a disposizione per rispondere ad ogni tipo di richiesta. Ovviamente, gli operatori sono tenuti a mantenere il segreto professionale. Le domande a cui si darà risposta vertono sulle decisioni della separazione non condivisa, riorganizzazione della vita quotidiana, condivisione della genitorialità, affidamento figli, divisione del tempo tra madre e padre con i figli, aspetti patrimoniali, relazioni e ruoli dei nuovi partner nei rapporti con i figli.

“Con questo nuovo servizio – afferma l’assessore Piero Mandarà – abbiamo voluto implementare il nostro sostegno psicologico e sociale alle famiglie in crisi. Dopo aver firmato il protocollo d’intesa con i presidenti dei Tribunali di Ragusa e Modica sul servizio della mediazione familiare che ha consentito di avere un approccio più conciliativo tra le coppie in crisi, ora ci occupiamo della sfera delicata della genitorialità. Nella nostra azione amministrativa abbiamo messo al centro la famiglia e questi due servizi sono orientati a venire incontro alle difficoltà che il nucleo familiare a volte attraversa nell’ambito relazionale e sociale”.