Storica presa di posizione del'UNCC

L'Unione Nazionale Camere Civili riconosce ufficialmente l'illegittimità e l'inopportunità della designazione sistematica di un "genitore collocatario"

Si legge, infatti, tra l'altro, in un comunicato inviato a tutte le sezioni dell'UNCC e a tutti i tribunali (https://www.studiocataldi.it/articoli/37955-rapporti-genitori-separati-e-figli-il-vademecum-degli-avvocati-civilisti.asp): " ...  E’ dunque più che probabile che il problema abbia una matrice culturale, la cui responsabilità è da individuare all’interno del sistema legale. In altre parole, la discriminazione fra genitori - entrambi affidatari ed entrambi parimenti responsabili della cura, educazione e istruzione dei figli introdotta dall’invenzione del genitore prevalente come figura giuridica - dovrebbe essere fatta cessare, come è avvenuto in molti Tribunali."

L'irregolarità e deprecabilità dell'applicazione delle norme (https://www.studiocataldi.it/articoli/37707-affidamento-condiviso-il-diritto-di-visita-e-facoltativo-per-genitori-e-figli.asp) non poteva essere segnalata in termini più chiari, e altrettanto chiaro è l'auspicio a cambiare rotta. Speriamo che le istituzioni se ne accorgano.

(M.M.)