Notizie

Sentenza della Cassazione

Una recentissima sentenza della I sezione civile della Corte di Cassazione stabilisce che l'introduzione di un partner nella casa familiare fa venire meno lo scopo della sua assegnazione a un determinato genitore, poiché automaticamente annulla il criterio della conservazione dell'habitat, e quindi comporta la revoca automatica dell'assegnazione. Questo, a parere di chi scrive, non implica una preclusione definitiva di viverci per il genitore assegnatario, ma comporta la necessità di assumere una nuova decisione sulla base dei criteri normali di assegnazione - come quello basato sulla proprietà - che non ha più senso subordinare a un interesse dei figli che la nuova situazione di fatto rende non più perseguibile. Si tratta, con tutta evidenza, di una decisione destinata a modificare numerose situazioni finora non affrontate per mancanza di una chiara indicazione giurisprudenziale.
Non va dimenticato, tuttavia, che pendono sul medesimo argomento tre ricorsi alla Corte Costituzionale. (M.M.).