Home
Anche in Austria si va verso la doppia residenza PDF Stampa E-mail


Anticipando la legge e nonostante il volere negativo della madre, un giudice di Vienna
afferma per la prima volta il diritto dei figli di essere cresciuti pariteticamente dai genitori

 

 

 
On. BINETTI: Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. PDF Stampa E-mail

Dopo le profonde delusioni del D.lgs 154 e del DL 132  una iniziativa che rilancia le nostre battaglie

Atto Camera - 3-01144 GIUSTIZIA
 
Interrogazione a risposta orale dell' On. BINETTI
 
   BINETTI. — Al Ministro della giustizia, al Ministro della salute, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che: 
 
   sulla rivista dell'Associazione degli psicologi americani (APA) è stato pubblicato recentemente un articolo scientifico che contiene una revisione metanalitica dei più autorevoli studi mondiali sul tema dell'affido condiviso di bambini sotto i 4 anni. Hildegunde Suenderhauf ha selezionato gli unici 50 studi sulle modalità di affido dei minori pubblicati tra il 1977 e il 2014 su riviste internazionali scientificamente riconosciute. Nella sua metanalisi l'autrice ha analizzato in modo rigoroso le conclusioni dei singoli studi e le loro interazioni, traendone una valutazione complessiva, le cui considerazioni finali appaiono inequivocabili; 
   due studi (4 per cento) hanno dato risultati negativi rispetto all'affido materialmente condiviso; in undici studi sono stati segnalati effetti negativi neutralizzati da altri effetti positivi; mentre trentasette degli articoli presi in considerazione (74 per cento), hanno prodotto inequivocabili risultati positivi per l'affido materialmente condiviso. L'articolo conclude testualmente: «In generale i risultati degli studi rivisitati in questo documento sono favorevoli ai piani genitoriali che bilanciano il tempo dei bambini piccoli tra le due case in modo il più uguale possibile. Il pernottamento dei bambini nella casa del papà non crea problemi, ma favorisce nei bambini la consapevolezza che l'accudimento è compito di entrambi i genitori e non di uno solo di loro (Warshak, 2014)»; 
   la distribuzione dei tempi di coabitazione in uso presso i tribunali italiani non segue però queste linee scientifiche e, come si può vedere anche dalle bozze di separazione consensuale pubblicate sui siti di alcuni tribunali, essa non si discosta da distribuzioni standard molto asimmetriche: circa l'83-85 per cento del tempo con un genitore, quasi sempre la madre, e circa il 17-15 per cento con l'altro genitore, quasi sempre il papà. Ciò comporta facilmente la perdita di una figura genitoriale con danni di natura psicologica e sociale, che appaiono già nei primi anni, ma spesso si accentuano nell'età della adolescenza: dispersione scolastica, gravidanze indesiderate, povertà, tabagismo, tossicodipendenza, microcriminalità e altro. Con questo orientamento l'Italia si colloca agli ultimi posti in Europa in quanto a difesa del diritto alla bigenitorialità; 
   uno studio su 164.580 ragazzi svedesi di 12 e 15 anni, figli di genitori separati, ha evidenziato che i parametri migliori relativamente al benessere fisico, psicologico e sociale alla soddisfazione sulle relazioni coi propri genitori separati, sono quelli dei minori che spendono tempi sostanzialmente eguali presso i due genitori (Bergström et al. 2013), confermando i risultati di una precedente ricerca di Jablonska e Lindbergh su 15.428 minori che aveva evidenziato, con significatività statistica, livelli di stress mentale più alto nelle famiglie monogenitoriali; 
   un'altra ricerca pubblicata su Children & Society nel 2012 e condotta da ricercatori indipendenti delle università di Bethesda, della Groenlandia, di Stoccolma, di Yvaskula (Finlandia), di Copenaghen, di Akureyri (Islanda), di Goteborg, su 184.496 minori in 36 società occidentali (Italia inclusa) (Bjarnason et al.2012) ha osservato che i bambini che vivono in sistemazione di collocamento materialmente congiunto (suddivisione approssimativamente paritaria dei tempi) riportano un più alto livello di soddisfazione di vita rispetto ad ogni altra sistemazione di famiglia separata, solo un quarto di rango (-0,26) più basso dei bambini nelle famiglie unite –: 
   quali siano gli orientamenti dei Ministri interrogati al riguardo e se non ritengano di adottare iniziative conseguenti di fronte a questa evidente contraddizione tra risultanze scientifiche e prassi giuridiche per tutelare le generazioni future che sempre più spesso si trovano a dovere fronteggiare la separazione della propria coppia genitoriale (circa 80-90.000 minori ogni anno). (3-01144)
 
14 Novembre 2014, Massa Carrara: La Famiglia non fondata sul matrimonio ... PDF Stampa E-mail

LA FAMIGLIA NON FONDATA SUL MATRIMONIO PROSPETTIVE e STRUMENTI di TUTELA CIVILE e PENALE ANCHE IN CHIAVE COMPARATISTICA

14 NOVEMBRE 2014, CITTA’ DI MASSA

SALA CONGRESSI CASSA DI RISPARMIO, V.LE DELLA STAZIONE, ore 14,30-18,30

Scarica il volantino 

 
“Abbiamo usato la Mediazione Familiare”. Ma forse no… PDF Stampa E-mail

Una testimonianza che coniuga alla perfezione i legami tra mediazione familiare e condiviso vero

di Anna Laura Tocco pubblicato il 7 ottobre 2014

Oggi è un giorno di udienza civile, di quelli nei quali il Magistrato di turno si trova sommerso dai fascicoli di numerose cause, con un ruolo stracarico anche in conseguenza dell’accorpamento recente delle soppresse sedi periferiche.

Leggi tutto...
 
Condannato il genitore che «arma» i figli contro l'ex PDF Stampa E-mail

Un provvedimento qualitativamente corretto, anche se poco coraggioso nella misura della sanzione. Leggi l' articolo sul SOLE24ORE

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 30
 

Sondaggi

Ogni anno in Italia tantissimi figli perdono il contatto con un genitore PER AVERLO RIFIUTATO. Perchè in Italia il diritto non affronta il problema e non si adotta una specifica legge su una questione così delicata?
 

Chi è online

 6 visitatori online